Press "Enter" to skip to content

Gli ospedali britannici affrontano la “peggiore crisi a memoria d’uomo”

London Waterloo Station in Pandemy, by Berenice Guzzo.
Personale della stazione ferroviaria Waterloo di Londra, vuota durante il primo lockdown.

Gli ospedali britannici sono sul punto di essere sommersi dai pazienti del COVID-19 e il Servizio Sanitario nazionale del Paese sta affrontando la sua “peggiore crisi a memoria d’uomo”, ha avvertito domenica un alto funzionario del governo.

Il secco avvertimento dell’ufficiale medico capo dell’Inghilterra, Chris Whitty, è arrivato quando i membri del principale comitato consultivo del governo, il Gruppo Consultivo Scientifico per le Emergenze, hanno avvertito che le misure di blocco a livello nazionale introdotte dopo Natale erano troppo permissive e troppo spesso ignorate dalle persone che incontravano gli amici nei parchi e che si riunivano nei supermercati.

Loro stanno sollecitando la chiusura degli asili nido e la fine delle “support bubbles” (bolle di sostegno), che permettono a due famiglie di frequentarsi. I ministri dicono che non hanno intenzione di inasprire ulteriormente le misure, ma che inizieranno a far rispettare rigorosamente le regole di lockdown e hanno ordinato alle forze dell’ordine di essere audaci e di emettere multe.

È necessaria una “forte applicazione” delle restrizioni del coronavirus, ha detto domenica il Ministro dell’Interno del Paese, Priti Patel. Patel ha detto che sta istruendo le forze di polizia a concentrare le loro risorse e il loro personale su persone che “stanno chiaramente infrangendo” le regole di isolamento per “salvaguardare il recupero del nostro paese da questo virus mortale”. Il coronavirus causa la malattia COVID-19.

Nella sua cruda descrizione del punto di disperazione in cui si è trovato il servizio sanitario nazionale, Whitty ha avvertito che gli ospedali dovranno iniziare ad allontanare i pazienti in emergenza non COVID, se il numero di pazienti affetti da coronavirus non comincerà a diminuire. “Chiunque incontri inutilmente amici e familiari è un anello di una catena che minaccia le persone vulnerabili”, ha detto.

Il servizio sanitario nazionale rischiava di essere sopraffatto nel giro di un paio di settimane, ha detto, e in alcune aree si trovava ad affrontare “la situazione più grave che si possa ricordare”. Ha aggiunto: “Gli ospedali non avranno spazio per prendere i casi di emergenza reindirizzati… il rapporto tra il personale e i pazienti, che è già dilatato, diventerà inaccettabile anche in luoghi come la terapia intensiva”. Ci saranno morti evitabili.”

Alcuni medici dicono che il punto di rottura è già stato raggiunto a Londra e in alcune parti del sud dell’Inghilterra. I morti del coronavirus britannico domenica hanno superato gli 80.000 per la pandemia, 10.000 in più rispetto ai civili morti durante la seconda guerra mondiale. Il Paese ha visto quattro aumenti giornalieri consecutivi di oltre 1.000 morti.

Il dottor Zudin Puthucheary, un consulente di terapia intensiva, ha detto a Sky News che il Servizio sanitario nazionale si sta “frantumando davanti a noi”. Ha detto di essere “spaventato e arrabbiato”.

La maggior parte degli ospedali della capitale britannica ha già raggiunto, secondo quanto riferito, un eccesso di capacità.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha dichiarato venerdì un “grave incidente”. In una dichiarazione, ha detto: “La minaccia che questo virus rappresenta per la nostra città è a un punto critico. Il numero di casi a Londra è aumentato rapidamente, con più di un terzo di pazienti in più nei nostri ospedali rispetto al picco della pandemia dello scorso aprile”, ha aggiunto.

Puthucheary, che lavora al Royal London Hospital, ha detto che c’è una carenza di personale infermieristico per le cure critiche e ha avvertito che le unità di terapia intensiva “sono piene oltre il punto di rottura”. Ha anche detto: “Abbiamo cannibalizzato il personale di tutto l’ospedale – i volontari si stanno riversando per cercare di prendersi cura di questi pazienti e fornire le migliori cure possibili”. Il personale si sta facendo in quattro per far sì che sia così e per mantenere i nostri pazienti al sicuro – e non basterà”.

Parlando alla BBC, il segretario alla Sanità Matt Hancock ha rifiutato di ipotizzare se il governo avrebbe introdotto regole più severe “perché il messaggio più importante non è se il governo rafforzerà ulteriormente le regole. La cosa più importante è che la gente stia a casa e segua le regole che abbiamo già”.

Quasi 60.000 nuovi casi di coronavirus sono stati segnalati sabato in Gran Bretagna.

I ministri dicono di essere in una corsa al vaccino contro il virus e prevedono di aprire sette centri di vaccinazione di massa questa settimana, con altri in cantiere. Neil Ferguson, un consigliere del governo e professore dell’Imperial College di Londra, ha previsto che il numero di pazienti ricoverati con COVID-19 aumenterà di un altro 20 per cento. “Sarà abbastanza difficile evitare altri 20.000 morti”, ha detto ai giornalisti.

Ma con un britannico su 30 che ha il virus, ha detto che il Paese potrebbe superare la pandemia entro nove mesi, come conseguenza del programma di vaccinazione e dello sviluppo dell’immunità di gregge. “Penso che vedremo rallentare i tassi di crescita”, ha detto Ferguson. “Potremmo vedere un declino, e questo potrebbe essere leggermente aiutato dal fatto che c’è un bel po’ di immunità di gregge in posti come Londra”, ha aggiunto.

Anche i paramedici riferiscono di essere costretti a curare i pazienti in ambulanza per ore e ore perché non ci sono letti disponibili. Molti dirigenti dell’ospedale hanno ordinato al personale di non parlare con i media a meno che non abbiano ricevuto previa autorizzazione e, a differenza dell’anno scorso, le troupe televisive hanno difficoltà ad ottenere l’autorizzazione a filmare i reparti.

Alcuni medici hanno scritto in forma anonima le loro esperienze negli ospedali e dipingono un quadro triste dei pazienti che vengono curati nei corridoi perché i reparti di terapia intensiva sono pieni.

“Abbiamo diversi pazienti che non sono “idonei” per le unità di terapia intensiva nel clima attuale”, ha scritto un medico specialista per il sito di notizie Unherd.com. “Prima del COVID, molto probabilmente avrebbero avuto una possibilità, ma non ora. Quando pensiamo che questi pazienti abbiano sofferto abbastanza e che difficilmente si riprenderanno mai, cominciamo a parlare di come metterli a loro agio. In parte abbiamo bisogno dei letti per i pazienti con maggiori possibilità, e in parte riteniamo che sia crudele far soffrire queste persone quando le loro possibilità di sopravvivenza sono scarse. È difficile capire quale di queste sia la vera motivazione”.

I governi di tutta Europa affermano che anche i loro ospedali sono in difficoltà, soprattutto in Svezia. E stanno osservando con crescente ansia gli sviluppi in Gran Bretagna, dove la velocità di trasmissione è guidata da un ceppo mutante più contagioso che ora viene identificato in tutto il continente.

Il ministro della Salute spagnolo, Salvador Illa, venerdì ha avvertito in una conferenza stampa che il Paese si trova ad affrontare “settimane difficili”. Con i casi di coronavirus in aumento, ha avvertito: “I dati sono pessimi”. Il tasso di incidenza, la pressione sugli ospedali, il tasso di positività dei test PCR e il numero di morti sono in aumento”. L’evoluzione della pandemia è in peggioramento”.

I test PCR (reazione a catena della polimerasi) sono considerati i più affidabili nel rilevamento del coronavirus.

Questo articolo è stato offerto da:

Cavallo Bianco

albergo, ristorante e pizzeria in Dronero (Cuneo)

* 281 *